I Dirigenti

Presidente Naz.    V O I           Ing. Gerardo Rosa Salsano
Presidente Naz. V O I Ing. Gerardo Rosa Salsano
Segretario Politico  V O I         Sandro Scarfini
Segretario Politico V O I Sandro Scarfini

Statuto del Movimento VOI "Volontari per l' Italia"

Atto C. e Statuto VOI.pdf
Documento Adobe Acrobat 746.9 KB

Diventa un Volontario della Politica

Apri un Circolo Cittadino " VOI"
Scarica il regolamento e il vademecum per aprire un Circolo "VOI" nella tua città.
Regolamento e Vademecum VOI CIRCOLO CITT
Archivio compresso in formato ZIP 5.1 MB

IL MOVIMENTO POLITICO "VOLONTARI PER L'ITALIA"

 

• Ha lo scopo di difendere la dignità e gli interessi sia del Cittadino, inteso come Persona, che della Collettività, operando grazie all'azione diretta, personale, volontaria e gratuita dei soci e dei propri organi, per attuare progresso e sviluppo economico, nel rispetto della solidarietà e con una politica sostenibile.

• ll programma si ispira alla centralità del Cittadino e della Collettività, nel rispetto dei valori Universali della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, della giustizia, della solidarietà, della pace, della famiglia, del lavoro.

• Ha lo scopo di diffondere nelle Comunità la massima serenità sociale e si prefigge di svolgere attività sia in campo nazionale che internazionale.

• Non ha fini di lucro.

• Il Movimento ha in programma di promuovere:

a) l'ottenimento del massimo consenso popolare;

b) il rifiuto degli estremismi, attraverso il confronto con ogni altra diversa realtà, sia politica che religiosa, al fine di conseguire sinergie e convergenze utili alla civile convivenza della gente;

c) un Federalismo che segua le regole dello Stato, che ne dia gli indirizzi;

d) il rispetto dell'Autonomia regionale, nell'ambito degli spazi previsti dallo Stato Sovrano, in tema di raccolta e spesa dei proventi fiscali, previdenziali, sanitari ed assistenziali, riservandone una parte - concordata- alla solidarietà nazionale;

e) il rispetto della centralità del cittadino e l'eliminazione di ogni impedimento burocratico e normativo che penalizza il Lavoro e l'imprenditoria, favorendo la formazione di un quadro legislativo meno farraginoso e più semplificato, con l 'abolizione di disposizioni inattuabili o di difficile interpretazione;

f) il rispetto di tutti coloro che favoriscono la civile convivenza della gente, impegnandosi per il definitivo superamento delle tesi sulla divaricazione e sul conflitto d'interessi fra le Parti Sociali;

g) il massimo rigore nel punire gli autori di reati contro gli interessi della Comunità;

h) lo studio di ogni forma di contrattazione che tenga conto delle diverse realtà nel lavoro dipendente, nel rispetto del ruolo assegnato in materia alle parti sociali dalle disposizioni vigenti;

i) l'interesse per ogni tematica inerente lo Stato e gli Enti Locali e di controllo dell'operato di chi amministra;

j) l'ottenimento della certificazione Europea sui bilanci dello Stato e delle Regioni, attraverso la creazione di una Agenzia di Rating Europea;

k) ogni iniziativa diretta ad evitare il cumulo delle cariche politiche e pubbliche e lo studio e la promozione di ogni norma che imponga a chi assuma tali cariche la sospensione dell'attività professionale, se in conflitto di interessi;

l) la designazione, in tutte le elezioni, di un candidato che provenga dalla Comunità e dal Territorio che intende rappresentare;

m) norme che, in questo stato di emergenza, prevedano che ogni volontario si impegni a versare al Movimento tutti i proventi derivanti da cariche politiche, vincolandoli a finalità di valore sociale; eventuali finanziamenti derivanti da riconoscimenti elettorali saranno, nella stessa misura, destinati dal Movimento soltanto a finalità di valore sociale;

n) lo sviluppo di una forza democratica partecipativa, in ogni forma e in ogni momento, soprattutto attraverso un azionariato politico popolare, con diritto di partecipazione a “class action” propositive;

o) la lotta alla miseria e alla fame nel Mondo, anche favorendo la diffusione di micro gesti di solidarietà;

p) la difesa dello Stato di diritto contro ogni forma di sopraffazione e contro ogni regime autoritario e totalitario;

q) lo studio di ogni proposta di legge che favorisca da un lato, la liberalizzazione dei mercati e che imponga, dall’altro, il rispetto di regole nelle attività finanziarie;

r) la valorizzazione del merito e delle capacità individuali, l’incentivazione dell'impresa, dell'associazionismo, coniugando la democrazia e la libertà con le esigenze sociali;

s) l'adozione, nelle istituzioni scolastiche ed universitarie, in collaborazione con le famiglie, di programmi che tutelino la tradizione e la conservazione del patrimonio culturale della Nazione, nonché lo sviluppo dello spirito critico e della ricerca, in sintonia con la cultura europea ed extraeuropea;

t) favorire la nascita di enti, anche per singoli settori, che propongano finalità analoghe a quelle proprie del nostro Movimento, collaborando con essi e favorendone la loro adesione al Movimento stesso;

 

Per il raggiungimento dei propri scopi, “IL MOVIMENTO” potrà collaborare o aderire a qualsiasi ente pubblico o privato, locale, nazionale o internazionale, nonché collaborare con organismi, movimenti o associazioni e partiti, con i quali ritenga utile avere collegamenti, quando perseguano analoghi fini.

Per la crescita dell’efficienza e dell’efficacia del “MOVIMENTO”, saranno arricchite e completate Tecniche e Metodologie Innovative, con il contributo dei cittadini aderenti all’iniziativa.

Gruppi di lavoro, per la ricerca delle soluzioni al disagio sociale, approfondiranno le varie tematiche, analizzando i punti di forza e quelli di debolezza del nostro territorio e dei nostri obiettivi:

• incentivazione dell’arte e della cultura, della formazione e della ricerca, della solidarietà e della salute;

• salvaguardia del territorio e dell'ambiente, per assicurare il benessere e la vivibilità;

• iniziative di recupero di parchi naturali, boschi, biodiversità, degrado;

• iniziative di sostegno alla coesione familiare ed alla nascita dei nuovi nuclei familiari;

• promozione della conoscenza e adozione di quegli impegni che rendono l'attività economica positiva per tutti;

• riconversione energetico-ambientale del sistema economico, anche per una distribuzione del reddito più equa;

• lotta alla corruzione e ripristino della legalità;

• creazione di un contesto socio-ambientale favorevole;

• creazione di occasioni e luoghi per più elevati livelli di cultura, di istruzione, di apertura ai cambiamenti e di orientamento al lavoro;

• promozione delle condizioni atte a migliorare la formazione professionale, lo sviluppo ed il senso di appartenenza alla comunità;

• valorizzazione dell’esperienza e saggezza dell’anziano quale nuova risorsa. (Oggi l’anziano è una persona attiva, dispone di molto tempo libero e si presta a ruoli sempre più vari, quali l’accudimento dei bimbi come nonno o il volontariato nel campo sociale. A queste persone vanno destinati momenti e strumenti di valorizzazione della proprie capacità, per accrescere la loro qualità della vita e il loro contributo allo sviluppo delle nuove generazioni).